Linfodrenaggio: come funziona, apparecchiature e benefici

Linfodrenaggio

Il linfodrenaggio è una particolare tecnica di massaggio che trova le sue origini nel 1929, quando i coniugi Emil e Astrid Vodder perfezionarono questa metodica. Il linfodrenaggio, come facilmente intuibile dal nome stesso, consiste in un massaggio che ha lo scopo di favorire il drenaggio dei liquidi linfatici dai tessuti. Viene dunque praticato nelle zone dove il circolo linfatico ha diminuito la sua efficienza e si possono notare problematiche e inestetismi causati dal ristagno dei liquidi. Queste problematiche possono essere comuni e poco gravi, come gambe e caviglie gonfie, fino ad arrivare anche ad edemi. In ambito estetico il linfodrenaggio trova applicazione principalmente per contrastare la cellulite, migliorare l'aspetto degli arti inferiori e per drenare eventuali scorie di scarto provocate da altri trattamenti. L'evoluzione tecnologica degli ultimi anni ha permesso di ottimizzare i risultati e migliorare la metodica manuale, grazie all'utilizzo di apparecchiature professionali come la Radio CRV, il Linforex e la Pressoterapia.

Cosa è il sistema linfatico

Per capire meglio come funziona il linfodrenaggio è necessario prima un piccolo excursus sul sistema circolatorio linfatico e le sue funzioni. I vasi del sistema linfatico scorrono in parallelo a quelli dell'apparato circolatorio e variano di dimensione, dai vasi diconduzione di media grandezza, fino a quelli periferici di dimensione simile ai capillari sanguigni. All'interno dei vasi linfatici scorre la linfa, un liquido tendenzialmente giallastro o opalescente, ricco di lipidi e di proteine. La linfa ha una composizione molto simile a quella del sangue, ma a differenza di quest'ultimo contiene un gran numero di globuli bianchi e un esiguo numero di globuli rossi. Il motivo della maggiore quantità di globuli bianchi risiede in uno dei compiti principali del sistema linfatico: difendere l'organismo dagli attacchi di altri microrganismi ostili. Quando nell'organismo è in corso un'infezione, i linfonodi, gli organi deputati alla produzione di globuli bianchi, aumentano la loro attività (ingrandendosi) e incrementano la produzione di linfociti, particolari globuli bianchi in grado di contrastare l'attacco infettivo.

Ma per il settore dell'estetica, è molto più interessante un altro compito del sistema circolatorio linfatico, che è quello di drenare le scorie di tutti i tessuti corporei. I vasi linfatici infatti, hanno le pareti più sottili rispetto a quelli sanguigni e sono maggiormente permeabili. Dunque, se il sistema linfatico funziona correttamente, la linfa compie questo ciclo:

  • fuoriesce dai capillari sanguigni e trasporta le sostanze nutritive e ossigeno ai tessuti e raccoglie sostanze di scarto
  • una piccola parte rientra nel flusso sanguigno, mentre la maggior parte entra nel sistema linfatico tramite i capillari linfatici
  • passa attraverso il cuore e si sposta in vasi più grandi
  • viene filtrata dagli organi di depurazione, come fegato, reni, midollo osseo, milza ecc.
  • scorrendo nei vasi linfatici arriva ad uno dei due grandi dotti, dotto linfatico destro o dotto linfatico sinistro, attraverso i quali viene reimmessa nel circolo sanguigno e ricomincia il suo ciclo.

Sistema linfatico in tilt: cellulite, gambe e caviglie gonfie

cellulite gambe caviglie gonfie

A differenza del sistema circolatorio, il sistema linfatico è ad una sola via, dalla periferia al cuore, e non è spinto dall'attività cardiaca, ma bensì dall'attività dei muscoli . Questi ultimi, contraendosi e rilassandosi funzionano come una vera e propria pompa. Per questo motivo in condizioni di sedentarietà o di attività fisica minima il sistema linfatico può andare in tilt. La linfa non percorre più il suo ciclo e tende a ristagnare negli spazi interstiziali dei tessuti. Un esempio molto comune è dato dal gonfiore e pesantezza di gambe e caviglie dopo una giornata passata alla scrivania in ufficio.

Un caso più evidente di malfunzionamento del sistema linfatico e con effetti maggiormente visibili è la cellulite. Quando la linfa e i liquidi stagnanti penetrano nei pannicoli adiposi causano un'alterazione del tessuto adiposo che, anche a causa della ritenzione idrica, si gonfia e crea dei noduli. Questi noduli in profondità sono la causa della "pelle a buccia d'arancia" in superficie. Se il tessuto adiposo fibrotizza, la cellulite peggiora ulteriormente e la pelle diventa dura e dolente al tatto e assume l'aspetto "a materasso".

È del tutto evidente, in base a quanto descritto finora, che l'attività fisica e una buona idratazione sono due aspetti fondamentali per prevenire (e in parte curare) eventuali problematiche del sistema circolatorio linfatico. Da aggiungere a questi due elementi anche una sana alimentazione, possibilmente povera di sale. Nel caso in cui questi accorgimenti da soli non riescano ad evitare gambe gonfie e cellulite, il linfodrenaggio rappresenta una valida soluzione.

Linfodrenaggio e benefici

Il linfodrenaggio è una tipologia di massaggio che permette di drenare la linfa e i liquidi stagnanti, in modo da immetterli nel sistema linfatico e successivamente espellere le sostanze di scarto attraverso le vie naturali del corpo.
Esistono diverse tecniche di linfodrenaggio ma quelle che vengono impiegate principalmente sono due: il metodo di Vodder e il metodo di Leduc La differenza tra le due metodiche risiede principalmente nella differenza di movimenti eseguiti. Il primo, Vodder, prevede quattro movimenti: circolare, rotatorio, pompaggio e frizione erogatrice. Il secondo invece, Leduc, prevede una manovra di richiamo e una manovra di riassorbimento, mentre la zona interessata dal ristagno di liquidi viene bendata. Entrambe queste metodiche sono molto efficaci se praticate da professionisti esperti.

Gli effetti principali del linfodrenaggio, quelli più importanti, sono:

  • drenaggio dei liquidi stagnanti negli spazi interstiziali
  • immissione di globuli bianchi e anticorpi nell'apparato circolatorio tramite il sistema linfatico
  • rilassamento delle fibre muscolari
  • riattivazione del metabolismo
  • riduzione di gonfiamenti ed ematomi
  • smaltimento di residui di farmaci assunti per lunghi periodi

È evidente dunque come il linfodrenaggio abbia benefici su molti aspetti della salute del nostro organismo, in quanto è un trattamento efficace contro la cellulite e le gambe gonfie , è in grado di migliorare il sistema immunitario, è utile contro la ritenzione idrica e aiuta a rimuovere scorie e residui indesiderati creati dal metabolismo stesso o da fattori esterni . Inoltre, essendo un trattamento molto piacevole e rilassante, favorisce il rilassamento dei muscoli e diminuisce lo stress.

Linfodrenaggio in Pearl'age

Linfodrenaggio 2

Il linfodrenaggio manuale è una tecnica già di per sé molto efficace, ma è maggiormente risolutiva se effettuata con l'ausilio di apparecchiature professionali. Nei nostri centri di Estetica Avanzata sono presenti diverse di queste apparecchiature che possono essere utilizzate a seconda delle esigenze specifiche della persona.

La Radio CRV ad esempio, emette in contemporanea diversi tipi di energia e può essere utilizzata su diversi inestetismi. Unisce due tecnologie: la radiofrequenza e la veicolazione transdermica. Nel caso del linfodrenaggio però, risulta molto efficace e pratica grazie al doppio manipolo che viene utilizzato durante il massaggio. Sulla la pelle i manipoli danno la sensazione di essere un'estensione naturale delle mani dell'operatrice. La radiofrequenza emessa dalla Radio CRV, crea un calore endogeno che si sviluppa in profondità nei tessuti e aumenta l'effetto drenante per mezzo della vasodilatazione.

Esistono anche due valide alternative ai trattamenti di linfodrenaggio manuali e sono il Linforex e la Pressoterapia.

Il Linforex è un'apparecchiatura che sfrutta le onde elettriche per eseguire un drenaggio dei tessuti grazie alla scomposizione delle proteine accumulate negli spazi interstiziali, le quali vengono riportate ad una dimensione tale da permettergli di rientrare nel sistema linfatico attraverso i capillari, si percepirà una contrazione muscolare. In contemporanea, un sistema pneumatico a pompa (sotto il piede, nella soletta di Lejars) provoca il drenaggio dei vasi linfatici e il conseguente completamento del ciclo della linfa.

La Pressoterapia (o Pressomassaggio) invece, è un trattamento che viene utilizzato principalmente sugli arti inferiori. È un dispositivo che avvolge gli arti e viene gonfiato e sgonfiato elettricamente, in modo tale da applicare una pressione esterna nelle zone dove è necessario il linfodrenaggio. Il nome dell'apparecchiatura è proprio dovuto a questa pressione. È un trattamento che migliora la circolazione venosa e linfatica, donando una sensazione di benessere e leggerezza alle gambe.

La tecnologia migliore da utilizzare e il numero di sedute ottimali per raggiungere i propri obiettivi, sono elementi da valutare durante una consulenza d'immagine con le nostre Beauty Manager. I trattamenti infatti vengono studiati e programmati ad hoc in base alle esigenze specifiche di ogni persona. Questo è il vero valore aggiunto che qualunque centro di Estetica Avanzata che si rispetti dovrebbe offrire.

Se pensi che il linfodrenaggio possa essere la soluzione giusta per te o vuoi scoprire i trattamenti che proponiamo per tutte le tipologie di inestetismi, trova il centro Pearl'age più comodo a te e prenota subito la tua consulenza d'immagine gratuita.

Staff Centro Estetica Avanzata Pearlage

prenota consulenza pearlage

 

Immagine di proprietà
Immagine copyrigth depositphotos\igorpetrovic
Immagine di proprietà

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter